Greentips… consigli verdi – Il riscaldamento globale 1

14 luglio 2009 at 14:33 1 commento


4bwmpmryq1q34z45z5ps5545953200708121531global_warmingOrmai da tempo si sa che il nostro Pianeta si sta surriscaldando.
Va bene, lo ha sempre fatto. E’ ciclico, si può pensare. Ma analizzando bene i dati, si capisce da subito che il surriscaldamento che stiamo vivendo non è naturale.
Numerosi studi, eseguiti negli ultimi decenni, hanno stabilito che le maggiori cause di questo innalzamento sono i gas serra prodotti dalla industrializzazione (come gli idrofluorocarburi HFC) e dall’utilizzo massiccio di combustibili fossili (carbone, petrolio, gas). Continuare con le emissioni dannose è una responsabilità troppo alta e le scelte socio-politiche già fatte e che verranno fatte nei prossimi anni condizioneranno il clima delle generazioni future. E’ nostra la responsabilità di offrire un clima (e quindi un ecosistema) migliore ai nostri figli.
Si è stimato “che oggi le concentrazioni di anidride carbonica nell’atmosfera sono le più elevate degli ultimi 650.000 anni; oltre il 30 per cento in più rispetto a quel periodo” (Fonte Greenpeace).
L’effetto serra, di per sé, è utile alla Terra per mantenere la temperatura a livelli vivibili per gli esseri che la abitano: l’anidride carbonica e il metano, due gas su tutti, trattengono il calore nella nostra atmosfera. Senza questo effetto, la temperatura sarebbe inferiore di almeno 15 gradi. Ma l’aumentare innaturale di questi gas, unitamente alla deforestazione intensiva, sta producendo un effetto esagerato, con effetti devastanti sulla Natura.
In 150 anni la temperatura è aumentata di 0,7°-0,8°.
Pensate che, sempre considerando l’ultimo secolo e mezzo, negli ultimi 11 anni abbiamo vissuto i 10 anni più caldi (i peggiori: 1998, 2005 e 2006).
Il processo di riscaldamento globale è inarrestabile e in aumento e, anche se riuscissimo a invertire la produzione esagerata di gas serra, il clima ci metterebbe secoli a normalizzarsi.
Se la temperatura aumentasse di 2° arriveremmo al punto di non ritorno: anche bloccare totalmente le emissioni nocive non avrebbe più senso e la situazione sarebbe ormai irrecuperabile.
Ma che conseguenze porta, il surriscaldamento terrestre?
Lo scenario è terrificante. Tra i maggiori effetti negativi:
• Aumento del livello medio del mare
• Ritiro dei ghiacciai
• Estinzione di specie animali
• Estinzione di specie vegetali
• Cambiamenti degli equilibri socio economici delle zone rurali
• Aumento delle precipitazioni in alcune aree
• Desertificazione di altre aree
• Cambiamenti nel clima (più uragani, tifoni, trombe d’aria)
Il problema dell’aumento delle emissioni nocive è responsabilità di tutti e tutti dovremmo prendercene cura.
A livello politico, continuando a mettere paletti rigidissimi alle leggi.
E’ giusto che i Governi di tutto il mondo stabiliscano regole ferree per limitare i danni prodotti dalle industrie.
Ma cosa possiamo fare noi, nel nostro piccolo?
Per esempio:
• evitare di acquistare prodotti importati
• Fare la spesa nei piccoli negozi dei produttori locali
• Usare meno la nostra automobile e più i mezzi pubblici o la bicicletta
• Rinunciare ai sacchetti di plastica della spesa in favore dei sacchetti di carta o stoffa
• Diminuire l’uso di riscaldamenti e condizionatori
L’obiettivo della Commissione Europea è quella di stabilizzare le emissioni a 120g di CO2/km entro il 2012, in accordo con il Trattato di Kyoto che aveva preposto come obiettivo l’abbattimento del 5% delle emissioni rispetto ai dati del 1990.
Il primo obiettivo comunitario è stato quello di migliorare l’industria automobilistica, imponendo la produzione di vetture con minori emissioni nocive e tecnologie che ne migliorano le prestazioni e quindi ne riducono i consumi e di agevolare l’acquisto di veicoli meno inquinanti.

Entry filed under: Ecologia. Tags: , , , , .

Greentips…consigli verdi – Gli orti urbani 2 Greentips…consigli verdi – L’agricoltura verticale

1 commento Add your own

  • 1. Marino  |  19 febbraio 2010 alle 22:10

    Il magnetismo dello spazio extraterrestre sta influenzando il clima?

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Ecogreentips.org

Clicca qui per iscriverti a questo sito e ricevere le notifiche dei nuovi articoli via e-mail.

Segui assieme ad altri 454 follower

Feeds

Seguici su Facebook

Categorie

Archivi

Creative common

Sosteniamoli!

Greenpeace Italia

English version

Trovi i Greentips anche qui:


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: