Greentips…consigli verdi – Il fiume Citarum

20 febbraio 2010 at 21:58 1 commento


Un tempo il fiume Citarum, con i suoi 269 km, era la fonte di sostentamento di un’area estesa della splendida isola di Giava. Le sue acque non solo permettevano alla popolazione di dissetarsi e di vivere, ma erano anche fonte di reddito perché permettevano di bagnare le vaste risaie (che in questa zona producono circa il 5% di tutto il riso indonesiano) e la pesca era abbonante.

Le sue acque, oltre che servire le zone in cui passa, bagnano Jakarta (14 milioni di abitanti, di cui l’80% sfrutta il Citarum per l’uso domestico) e dalla fine degli anni ’80 vengono sfruttate anche oltre 500 aziende principali e da altri sobborghi industriali, composti da circa 2000 piccole attività (che costituiscono un quinto della produzione industriale del Paese).

Benessere per tutti? Assolutamente no.

I rifiuti urbani prodotti da almeno 6 milioni di persone- e c’è chi azzarda che siano invece ben 9 milioni- e gli scarti tossici delle aziende sono stati riversati nel fiume, conferendogli il triste primato del fiume più inquinato del mondo. La distesa di plastica e altri rifiuti (vetro, pezzi di mobili, animali morti) stanno soffocando e uccidendo il fiume. Il delicato ecosistema fluviale è stato devastato e oggi la pesca dei pesci è stata sostituita dalla pesca di plastica e detriti riciclabili.

Stando ad alcune stime, ci vorrebbero almeno 13 miliardi di dollari per risanare il fiume e la Banca Asiatica di Sviluppo ha recentemente deciso di stanziare 500 milioni per iniziare i primi lavori (risanamento del canale che collega il Citarum a Jakarta, creazione di un sistema fognario per la popolazione più arretrata, pulizia dei depuratori ostruiti, costruzione di impianti per il trattamento delle acque reflue, riforestazione dell’area montana del fiume -per ridurre frane e smottamenti che provocano continui disastri locali, ecc. ecc.). Purtroppo sembra che il credito a favore del fiume sia stato bloccato perchè il rischio di corruzione (attività illegale che in Indonesia è frequentissima) è troppo alto e reale. Sembra che la Banca Asiatica di Sviluppo stia pensando di istituire un Consiglio dell’acqua, che funga da controllore sulla distribuzione dei contributi e sull’avanzamento effettivo dei lavori. Ma al momento è tutto fermo e il fiume continua a emanare esalazioni tossiche e a portare malattie e morte alla popolazione che sfrutta le sue acque.

Entry filed under: Disastri ecologici. Tags: , , , , , .

Greentips…consigli verdi – I 15 luoghi più inquinati della Terra Greentips…consigli verdi – Detersivi ecologici

1 commento Add your own

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Ecogreentips.org

Clicca qui per iscriverti a questo sito e ricevere le notifiche dei nuovi articoli via e-mail.

Segui assieme ad altri 454 follower

Feeds

Seguici su Facebook

Categorie

Archivi

Creative common

Sosteniamoli!

Greenpeace Italia

English version

Trovi i Greentips anche qui:


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: