Greentips…consigli verdi – Le belle notizie verdi

24 settembre 2010 at 10:04 2 commenti


Qualche tempo fa abbiamo detto quanto sia importante sostituire con le lampadine a risparmio energetico le classiche vecchie lampadine a incandescenza (che, vi ricordiamo, nel giro di pochi anni non verranno nemmeno più prodotte ). Ma forse non tutti sanno che le lampadine a basso consumo non sono totalmente verdi. E’ vero che durano molto più a lungo e che consumano poca energia, ma al loro interno sono imprigionati veleni (come il mercurio) che, se immessi nell’ambiente, potrebbero essere molto pericolosi.

E così si sta rendendo necessario imparare a smaltire correttamente le lampadine a basso consumo quando si rompono o finiscono il loro ciclo vitale. Ikea , in collaborazione con il WWFe il consorzio Ecolight e , ha promosso un’iniziativache prevede il recupero e il corretto smaltimento delle lampadine esauste.

Nei negozi Ikea Italia, fino al 31 agosto,  è stato possibile ricevere la Bulb Box, una scatola di cartone, nella quale riporre tutte le lampadine fluorescenti esauste. Per ogni scatola piena recuperata, Ikea ha devoltu un euro al WWF e ha consegnato al cliente un buono valido per una confezione di tre lampadine a basso consumo da 110W.

Questa iniziativa, che è stata introdotta per la prima volta in Norvegia, si era posto l”obiettivo di raccogliere 100.000 lampadine esauste che altrimenti sarebbero state immesse nell’ambiente sottoforma di rifiuti. Le lampadine raccolte sono state trattate dal Consorsio Ecolight come rifiuti tossici (le lampadine a basso consumo hanno una dose minima di mercurio che,s e rilasciata nell’ambiente, è comunque sufficiente a contaminare 4.000 litri di acqua). Inoltre, con questa operazione, è stato anche possibile recuperare il vetro dei bulbi e riciclarlo.

Attendiamo ora che WWF, Ikea e Ecolight pubblichino i risultati della loro iniziativa.

Vi ricordiamo che, in seguito a una normativa europea, le lampadine a incandescenza verranno gradualmente, ma inesorabilmente dismesse. Non è più possibile acquistare lampadine “classiche” da  100 e da 75 watt (sono state le prime a sparire); entro il 2011 sarà la volta di quelle da 60W e da settembre 2012 tutte le altre minor potenza.  In questo modo, l’Unione Europea stima di arrivare a risparmiare, nel 2020, circa 39 miliardi di kWh nel solo settore domestico, riducendo di oltre 15 milioni di tonnellate le emissioni di CO2.

La seconda buona notizia di questi giorni è che a 12 km al largo delle coste del Kent (più precisamente Foreness Point) è entrato in funzione il più grande parco eolico off-shore del mondo, il parco di Thanet. Le 100 turbine installate daranno energia a più di 200.000 famiglie della Gran Bretagna. Le turbine, alte 115 metri, si estendono per 35 chilometri quadrati (l’equivalente di 4.000 campi da calcio) e rimarranno in funzione per almeno 25 anni.

La Vattenfall, una delle aziende europee più importanti nella costruzione e gestione di impianti per il risparmio energetico, ha inaugurato il Thanet Offhshore Wind Farm con la consapevolezza che non sarà l’unico.

“Con Thanet Offshore Wind Farm, Vattenfall ha compiuto un passo importante verso raddoppiare la sua produzione di energia eolica fino al 2011 e noi continuiamo a condurre il senso in via di sviluppo eolica offshore. L’energia eolica sarà una pietra angolare di fornire sia la redditività e sostenibilità per Vattenfall negli anni a venire “, dice Øystein Løseth, CEO e Presidente di Vattenfall :” Questo progetto non sarebbe stato possibile senza il sostegno attivo del governo britannico e il suo impegno a favore delle energie rinnovabili. ” E’ infatti intenzione della Vattenfall aumentare, entro il 2011, il numero di parchi offshore e portarli a 9 centrali in 6 Paesi, fornendo così energia a più di 800.000 abitazioni.

Certamente una wind farm offshore implica un impegno economico non indifferente, ma ci auguriamo che qualcosa si possa fare anche in altre parti del mondo, distribuendo così energia pulita a più famiglie e abbassando, di conseguenza, il consumo di petrolio.

Entry filed under: Consigli verdi, Ecologia, Energia. Tags: , , , , , , , , , , , , , .

Greentips…consigli verdi-Orti Urbani a Udine Greentips…consigli verdi – gli ecospot di Greenpeace

2 commenti Add your own

  • 1. cristina  |  27 settembre 2010 alle 11:18

    Mi interessa molto la notizia e vorrei poterla inserire anche sul nostro sito http://www.rivistainnovare.com
    Vorrei potervi contattare

    grazie

    Rispondi
    • 2. Barbara  |  27 settembre 2010 alle 12:10

      Assolutamente! La nostra e-mail è info@ecogreentips.org

      Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Ecogreentips.org

Clicca qui per iscriverti a questo sito e ricevere le notifiche dei nuovi articoli via e-mail.

Segui assieme ad altri 454 follower

Feeds

Seguici su Facebook

Categorie

Archivi

Creative common

Sosteniamoli!

Greenpeace Italia

English version

Trovi i Greentips anche qui:


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: