Greentips…Consigli Verdi – Il sapone di Castiglia

17 aprile 2012 at 14:13 1 commento


Vi avevamo già raccontato del sapone più antico del mondo, il sapone d’Aleppo, importato in Europa dai Crociati,  che tra il XI e il XIII secolo si recarono in Terra Santa per combattere le Crociate. Non ci volle molto perché anche gli Europei imparassero a Immaginesaponificare, adattando l’antica ricetta di Aleppo e dando vita dalla seconda metà del  XIV secolo a uno dei saponi più conosciuti al mondo: il sapone di Marsiglia. Già nel XII in Spagna si produceva un sapone molto puro, a base di solo olio d’oliva a causa delle difficoltà a reperire il pregiato olio di alloro, presente nel sapone di Aleppo. Nelle regioni dell’attuale nord Italia e nelle regioni spagnole di Alicante, Malaga, Cartagena e Castiglia nacquero attività produttive che, con il passare dei secoli, hanno reso eterno un prodotto passato alla storia come il sapone di Castiglia (Jabon de Castilla).

Ingredienti base del sapone di Castiglia, all’epoca, erano l’olio d’oliva, la barilla (una cenere alcalina ottenuta bruciando l’erba kali) e la salamoia. La salamoia veniva aggiunta al liquido bollente: il sapone veniva così a galla, già separato da impurità e liscivia. Il risultato finale era un sapone duro e bianchissimo, che nonostante il periodo di essicazione manteneva il suo caratteristico candore.

Il sapone, interamente prodotto con ingredienti di origine vegetale, era considerato un prodotto di lusso e lo si trovava nelle case di benestanti, aristocratici e potenti delle corti europee. Questo sapone non veniva utilizzato solo per l’igiene personale, ma veniva impiegato in molte altre attività.

Il sapone di Aleppo, quello di Marsiglia o quello di Castiglia sono tutt’oggi tra i saponi naturali più diffusi e in commercio se ne trovano di moltissimi tipi, sia prodotti con le ricette base, sia addizionati di altri ingredienti, come oli vegetali o oli essenziali. Ma forse non tutti sanno che è possibile produrre il sapone anche in casa propria.

Ingrediente fondamentale è la soda caustica, che va diluita in acqua distillata, ma si possono usare anche altri liquidi come infusi di erbe e fiori o succhi di frutta. Prima della sua trasformazione, durante il processo di saponificazione, la soda caustica è corrosiva e va trattata con moltissima cautela. Tuttavia, al termine del processo non ne rimarrà traccia. Il sapone naturale, infatti, è composto sia da oli che da grassi, che si trasformano in sale sodico e glicerina proprio reagendo alla soda caustica.

Gli ingredienti base per produrre il sapone di Castiglia sono:

  • 1 kg di olio di oliva
  • 300 gr di acqua distillata
  • 128 gr di soda caustica
  • 10 ml di olio essenziale di lavanda (da aggiungere a procedimento inoltrato).

Questo il materiale necessario:Immagine

  • Protezioni per maneggiare in sicurezza la soda caustica (guanti di gomma resistente, occhiali, mascherina per le vie respiratorie)
  • Bilancia di precisione
  • Mestolo di legno
  • Caraffa in vetro (per diluire la soda caustica)
  • Pentola di acciaio inox
  • Termometro da forno
  • Frullatore a immersione
  • Contenitori di buona plastica resistente (da usare come stampi)
  • Una coperta (o vecchi maglioni di lana)

E’ da tenere conto che durante il processo di saponificazione si possono raggiungere 90-100 gradi centigradi: è indispensabile, quindi, dotarsi di materiali ottimi e resistenti. Sono da evitare anche i materiali che possono essere rovinati dalla soda, come il rame, ferro, alluminio, stagno, pentole antiaderenti o plastiche molli

Vediamo nel dettaglio il procedimento:

  •  Dopo aver indossato le protezioni (guanti, occhiali, mascherina), si pesa la soda caustica e la si versa delicatamente nell’acqua dentro la caraffa. Mettere prima la soda e poi l’acqua è da evitare assolutamente perché è pericoloso.
  • Si mette l’olio a scaldare nella pentola e lo si porta a 40-50° a fuoco molto dolce
  • Si versa la soda diluita, con molta attenzione e delicatezza
  • Ora si inizia a frullare il composto, con il frullatore a immersione, finché non si addensa: quando il composto fa il nastro (cioè, come in pasticceria, alzando il frullatore  lascia una scia che non si incorpora subito, ma rimane in superficie) si può aggiungere l’olio essenziale preferito. Si possono anche aggiungere spezie, alghe, erbe officinali o altri elementi naturali per donare al sapone altre qualità o caratteristiche specifiche per le diverse situazioni (scrub, vitaminico, lenitivo, ecc. ecc.)
  • Dopo aver mescolato bene il composto, la pasta va versata negli stampi e ricoperta con della vecchia lana (coperte o maglioni) e lasciato riposare un giorno. Finchè la pasta è morbida è possibile personalizzarla con un proprio “marchio di fabbrica”, imprimendo con uno stampino un proprio simbolo o una scritta
  • Dopo aver lasciato passare un giorno, sempre indossando i guanti, si toglie il sapone dagli stampi per tagliarlo nelle forme desiderate.
  • Il sapone sarà pronto dopo un periodo di maturazione che varia da 4 a 8 settimane

Una volta finito, potete incartare il vostro sapone con della carta riciclata, carta di riso, nastri di raso, raffia o fiori secchi.

Liberate la fantasia e … buon divertimento!

Entry filed under: Consigli verdi, Ecologia, Fai da te e riciclo. Tags: , , , , , , , .

Greentips…consigli verdi – gli ecospot Greentips…consigli verdi – Acqua, bene prezioso

1 commento Add your own

  • 1. Sapone di Castiglia: come produrlo | Trashic  |  28 novembre 2013 alle 08:01

    […] seguite passo, passo il procedimento che trovate spiegato qui,  e ricordate sempre di usare le protezioni giuste quando fate questo genere di auto produzioni, e […]

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Ecogreentips.org

Clicca qui per iscriverti a questo sito e ricevere le notifiche dei nuovi articoli via e-mail.

Segui assieme ad altri 454 follower

Feeds

Seguici su Facebook

Categorie

Archivi

Creative common

Sosteniamoli!

Greenpeace Italia

English version

Trovi i Greentips anche qui:


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: